domenica 13 marzo 2011

Loretta Zavaroni: “ Non condividevo più la gestione del Comune ”

Da " ivg.it " del 13 Marzo 2011

L’ex assessore ai servizi sociali del Comune di Alassio, Loretta Zavaroni, parla per la prima volta dopo la decisione di entrare nella lista di Avogadro per le comunali di primavera. Una scelta che ha portato il vice sindaco reggente Giovanni Aicardi a togliere le deleghe in giunta all’ormai ex esponente del Pdl e assessore per due mandati consecutivi.

“ Da tempo non condividevo gli indirizzi dell’attuale amministrazione e la gestione del Comune, in particolare negli ultimi mesi – ha detto ad IVG.it Loretta Zavaroni -. A dire il vero pensavo di non prendere parte alle prossime elezioni comunali, invece quando mi è stata proposta una candidatura nella lista di Avogadro con la possibilità di portare avanti un certo programma nel sociale ho deciso di accettare. Il giorno dopo Aicardi ed il coordinatore provinciale del Pdl mi hanno chiamato chiedendomi se confermavo la mia decisione. Mi hanno chiesto di dimettermi, ma ho rifiutato perchè ritenevo giusto portare avanti fino in fondo il mio lavoro. Così mi hanno tolto le deleghe in giunta … ”

Intanto Loretta Zavaroni si è già messa al lavoro e ha presentato il programma per i servizi sociali e l’istruzione di “ A come Alassio – Lista Avogadro ”: sviluppo di una azione politica amministrativa centrata e a servizio della persona; erogazione dei servizi di base e complessi con rispondenza ai requisiti di efficienza ed efficacia, in particolare lo Sportello di cittadinanza quale punto di accesso alla rete integrata dei servizi sociali in ambito comunale; l’attenzione verso quegli interventi a contrasto di vecchie e nuove povertà, favorendo l’inclusione sociale e di aiuto alle famiglie per favorire la permanenza a domicilio; impegno per proseguire nel servizio e aumentare le attività svolte nel Centro diurno per anziani “ Asilo del Nonno ” in collaborazione con ASL 2 “ Savonese ”; valorizzazione, promozione e sostegno della rete del volontariato; impegno a favore della terza età con l’apertura di una nuova sede per il centro socio-ricreativo per gli anziani.

Tra gli altri punti: l’apertura nuova residenza per anziani “ Poggio Fiorito ”; sostegno dei servizi socio – educativi per la prima infanzia, supporto alla genitorialità e tutela dei minori; valorizzazione del ruolo attivo e responsabile della famiglia e suo sostegno; attivazione e sostegno a politiche integrate per le persone diversamente abili volte a favorirne l’integrazione famigliare, scolastica, lavorativa e sociale; interventi a favore dell’inclusione sociale per prevenire e ridurre l’emarginazione sociale; interventi e azioni rivolte alla realtà giovanile tesi alla promozione di sani stili di vita, educazione alla legalità e al rispetto, al contrasto del disagio e della devianza.

Sul fronte della scuola: attivazione di una “ sezione primavera ” per bambini tra i 24 e i 36 mesi all’interno di spazi e con personale adeguati; favorire una stretta collaborazione tra Comune e Autonomie scolastiche, coinvolgendo anche associazioni di genitori e soggetti esterni finalizzata ad affrontare le problematiche connesse all’attività scolastica; attivare, nel rispetto dell’autonomia didattico educativa delle scuole dell’obbligo, altri servizi educativi – ricreativi a sostegno delle famiglie; ampliare il periodo di presenza dei centri estivi; sostenere il diritto allo studio delle persone diversamente abili; sostenere il diritto di studio nella scuola statale e paritaria; garantire qualità e sicurezza degli edifici scolastici; continuità dei progetti “ Adotta una Classe ” e “ Educazione e Legalità ”; continuità nel sostegno a progetti scolastici con finalità educative di prevenzione alla devianza, cultura delle regole e dello Stato, educazione alla salute, igiene alimentare e rispetto dell’ambiente; servizio “ scuolabus ” su tutto il territorio comunale a prezzi contenuti per le famiglie; per mensa e trasporti garantiamo che non ci saranno aggravio sui bilanci famigliari.

3 commenti:

  1. Spiace, e tanto, non vedere mai ad Alassio citato lo SPORT quale veicolo di aggregazione, di vita sana, di vita di gruppo, di socializzazione, di salute e di divertimento! Abbiamo un palazzetto che è usato più dal teatro che dalle Società sportive, non abbiamo un'altra palestra degna di tal nome, ora non si sa neanche quando riavremo il campo da calcio per non parlare della brutta pscina che abbiamo...
    W LO SPORT!!! Anche se ad Alassio è considerata una cosa secondaria non contanto quanti bambini e bambine lo pratichino, non contando quante famiglie sono coinvolte, non contando tantissime altre cose...

    RispondiElimina
  2. alassio ogni cosa è secondaria a parte box e cemento!!!
    Bella mossa l'assessora è passata dalla padella alla brace.

    RispondiElimina
  3. Solo che la padella ora è vuota!!!!
    Ora aspettiamo Vinai!

    RispondiElimina